domenica 26 dicembre 2010

Babbo Natale


Ahahah!!! Troppo carina, vero?
Elly

venerdì 24 dicembre 2010

mercoledì 22 dicembre 2010

Il mondo che vorrei

Lo spettacolo canoro di Natale, tenuto nella mia scuola dagli alunni di quarta elementare,  ha avuto molto successo ed ha meritato l'applauso degli spettatori grazie all'impegnativo lavoro svolto dalle insegnanti. I testi parlavano del Natale e della pace e il momento che mi ha commossa di più è stato quando abbiamo cantato"Il mondo che vorrei" di Laura Pausini, perché dal soffitto della sala teatro è sceso un maxi schermo  su cui sono state proiettate immagini di tante delle ingiustizie che ci sono nel mondo: violenze, guerre, miseria...

video


IL MONDO CHE VORREI

Quante volte ci ho pensato su
Il mio mondo sta cadendo giù
Dentro un mare pieno di follie
Ipocrisie
Quante volte avrei voluto anch'io
Aiutare questo mondo mio
Per tutti quelli che stanno soffrendo
Come te

Il mondo che vorrei
Avrebbe mille cuori
Per battere di più avrebbe mille amori
Il mondo che vorrei
Avrebbe mille mani
E mille braccia per i bimbi del domani
Che coi loro occhi chiedono di più
Salvali anche tu.

Per chi crede nello stesso sole
Non c'è razza non c'è mai colore
Perche il cuore di chi ha un altro Dio
E' uguale al mio.
Per chi spera ancora in un sorriso,
Perchè il suo domani l'ha deciso
Ed e convinto che il suo domani
E' insieme a te.

Il mondo che vorrei
Si sparerebbe i fiori
Non sentiremmo piu
Il suono dei cannoni
Il mondo che vorrei
Farebbe piu giustizia
Per tutti quelli che
La guerra l'hanno vista
E coi loro occhi chiedono di più
Salvali anche tu

Come si fa a rimanere qui
Immobili così
Indifferenti ormai
A tutti i bimbi che
Non cresceranno mai
Ma che senso ha ascoltare e non cambiare
Regaliamo al mondo quella pace
Che non puo aspettare più
Nel mondo che vorrei 


Nel mondo che vorrei
Avremo tutti un cuore
Il mondo che vorrei
Si chiamerebbe amore
Stringi forte le mie mani
E sentirai il mondo che vorrei
il mondo che vorrei

E voi come lo vorreste il mondo? Scrivetemi!
Elly:-)))

sabato 11 dicembre 2010

Le mie impronte

Oggi ho fatto un po' la monella perciò, per farmi perdonare, ho dedicato alla mia mammina questa poesia che ho trovato in rete.
Mamma,
Lo so che ti arrabbi
quando trovi le mie impronte
sui mobili e sui muri:
rallegrati però che sto crescendo
e rimarranno un ricordo solamente.
Perciò io ti regalo le mie impronte
perché tu possa, un giorno ben lontano,

vedere com'erano piccole le mie mani
al tempo in cui cercavan la tua mano. 
Elly:-)

venerdì 10 dicembre 2010

Continua a bussare

Tra i canti che stiamo preparando a scuola per lo spettacolo di Natale c'è "Continua a bussare", tratto dal copione teatrale "SE DAVVERO FOSSE NATALE" di COLOGGI-BAGGIO.



Trama:
Maria e Giuseppe a Betlemme, in cerca di un posto per dormire. Stanchi, si addormentano e Maria comincia a sognare. Nel sogno si ritrovano in una delle nostre città di oggi, e precisamente in una sorta di immondezzaio di periferia, abitato da un gruppo di barboni. È la sera della vigilia di Natale, ma la coppia non sa proprio di che festa si tratti. Uno dei barboni, “Rogna”, si offre di accompagnarli alla ricerca di un albergo per la notte. Lungo la strada passano per un centro commerciale (una sorta di luna-park animato dalla corsa ai regali); incontrano una troupe televisiva che sta girando uno spot pubblicitario natalizio; e subiscono il rifiuto degli albergatori che non li vogliono ospitare sia in quanto stranieri (clandestini dalla Palestina!), sia per la condizione di Maria, ormai visibilmente prossima al parto. Dopo varie vicissitudini, Maria e Giuseppe comprendono finalmente il motivo di quella strana e sfarzosa festa: è la ricorrenza della nascita di Gesù, Figlio di Dio, nato dalla vergine Maria in una notte a Betlemme! Per Maria è uno choc. Si sente male; ha le doglie. I barboni decidono di affidarla ad una ragazza straniera, Stella. A questo punto Maria si sveglia e con sua sorpresa si ritrova a Betlemme, ancora alla ricerca di un posto per dormire. Alla luce del suo strano sogno, lei, però, ha già capito dove far nascere Gesù: in mezzo ai barboni, alle baracche, ai poveri, agli emarginati; coloro, cioè, che hanno subito saputo davvero accoglierla.

.

Titolo:
SE FOSSE DAVVERO NATALE
Autori: Daniela Cologgi (copione) – Fabio Baggio (testi e musiche delle canzoni) – Gregorio Puccio (arrangiamenti, musiche)
Genere: Commedia musicale
Atti: Unico


Elly:-)

martedì 31 agosto 2010

lunedì 30 agosto 2010

Per me l' amicizia è

Per me l'amicizia è
un tesoro nascosto,
il sole che brilla,
una gemma preziosa.
Per me l'amicizia è
un grandissimo arcobaleno 
che abbraccia i bambini,
un sorriso sincero.
Per me l'amicizia è
la melodia più bella,
il ballo più allegro,
la nota più dolce.
(Eleonora Di Lauro)

giovedì 26 agosto 2010

Eleonora

Eleonora
Significato: cresciuta nella luce
Origine: germanica
Onomastico: 21 Febbraio
Numero portafortuna: 8
Colore: arancio
Pietra: berillo
Metallo: oro

E' un nome molto diffuso in tutta Italia, anche nelle forme derivate Leonora, Nora, Norina. E' apparso in Europa nel XII secolo, precisamente in Francia da dove si è propagato in Inghilterra, in Portogallo, in Spagna e in Italia, grazie al nome di alcune regnanti, tra cui la regina di Francia e d'Inghilterra Eleonora D'Aquitania, madre di Riccardo Cuor di Leone. L'origine del nome sembrerebbe germanica, con una prima parte ali- che significa 'crescere', mentre il secondo elemento è di etimologia incerta. Per alcuni studiosi potrebbe anche significare 'compassione'. In Italia il nome si è affermato di recente essenzialmente come nome laico: esistono infatti alcune sante tutte straniere e non riconosciute ufficialmente dalla Chiesa. La maggior diffusione si è avuta nel tardo Ottocento grazie alle protagoniste di due opere di Verdi, il "Trovatore" e " La forza del destino"; la variante Nora è divenuta popolare con il dramma di Ibsen "Casa di bambola". Esiste infine la variante Elianora dall'incrocio con il nome Elia. Tra i personaggi noti l'attrice teatrale Eleonora Duse, morta nel 1924. Eleonora nasce sotto una buona stella che le regala doni preziosi: un'incomparabile capacità psicologica di perspicacia e di compassione, una sincerità tra le più pure, una diplomazia raffinata, un acuto senso di osservazione. Grazie a questi migliori auspici per Eleonora è impossibile non emergere nella vita professionale e privata.

martedì 17 agosto 2010

I dinosauri

Per centotrenta milioni 
di anni lo credereste?
Vissero tra paludi e foresta
sparsi su tutta la Terra.
poi che successe?
Una guerra tra bestioni?
Una razza nuova ne divorò le uova?
La vita diventò troppo dura?
Si esaurì la verdura?
sparirono tutti i dinosauri,
lasciando in un deserto 
o in una fossa
qualche dente e un mucchio di ossa.
(N. Vicini )



Elly:-)

lunedì 5 aprile 2010

Pasqua di pace


 Se io potessi comandare
a tutti i paesi, direi:
"A Pasqua dovete lanciare
mille colombe nei vostri cieli!"
Pensate come sarebbe bello
nel nostro cielo d 'Aprile
ali, ali di bianche colombe
attorno ad ogni campanile.
Il campanile, io ci scommetto, 
di gioia sarebbe matto:
non fermerebbe più le campane
fino a che non avesse detto
alle rondini sotto al tetto,
al pesco di primavera,
all'olivo tutto d' argento:
"Io sono contento, contento:
c'è la pace sulla terra.
non si parla più di guerra:
è risorto l'amore"

martedì 23 marzo 2010

Fairies


Sono la fata dei dolci:
il mio vestito è fatto di cioccolato, vaniglia e panna montata.

Sono la fata dei fiori:
i petali e le corolle sono la mia casa.

Sono la fata del mare:
le onde cullano il mio sonno.

Sono la fata della luna:
illumino la notte.

Sono la fata degli animali:
li rendo docili e affettuosi.

Sono la fata dei bambini:
il loro sorriso riempie il mondo di gioia.

(Eleonora Di Lauro)






venerdì 19 marzo 2010

Auguri al mio papà

AUGURI AL MIO PAPA'

Voliamo
Insieme
Non temo nulla perché
Con te sono al sicuro
E
Non vado a 
Zig-zag ma voglio stare
Ogni attimo con te.

Ti voglio tanto bene papà!!!

Elly:-))


giovedì 18 marzo 2010

Il papà



A scuola abbiamo preparato un lavoretto per la festa del papà: un segnalibro e una pergamena con su questa poesia.
IL PAPA'

Una mano da prendere
due braccia che mi stringono, 
una voce che mi chiama,
che racconta,
che ride,
che mi rimprovera, 
che mi incoraggia.
Uno sguardo che mi segue,
un cuore che batte per me:
sei tu, papà!

mercoledì 13 gennaio 2010

Darwin a Bari


Dal 24 novembre 2009 il Castello Svevo di Bari ospita la mostra ''Darwin 1809 - 2009''.
Charles Robert Darwin (1809-1882) è stato un biologo, geologo, zoologo e botanico britannico. Durante i suoi numerosi viaggi fece studi ed osservazioni dirette e quindi teorizzò che gli esseri viventi sono il risultato di un'evoluzione in cui sopravvive l'organismo più forte, e  che  i membri dello stesso gruppo si assomigliano perché si sono evoluti da un antenato comune. Pubblicò la sua teoria sull'evoluzione delle specie nel libro "L'origine delle specie".

La mostra sarà visitabile tutti i giorni fino al 15 Febbraio 2010,  dalle ore 9.30 alle ore 19.30 (la biglietteria chiude alle 18.30); la mostra è gratuita, ma il biglietto per accedere al castello è di € 2,00.

Per maggiori informazioni sulla mostra, acquistare i biglietti e scoprire tutto su Darwin e il Castello Svevo, vi invito a visitare il sito dedicato esclusivamente alla mostra Darwin 1809 – 2009.


Elly:-)

sabato 9 gennaio 2010

Pace nel mondo





Ieri la maestra ci ha chiesto cosa vorremmo che ci portasse il nuovo anno ed io ho risposto che vorrei la pace nel mondo.
Voi cosa vorreste?

La canzone è


We are the World di Michael Jackson  interpretata da artisti vari.


Elly:-)))

mercoledì 6 gennaio 2010

La befana





I giorni scorsi ho fatto un po' la birichina perciò temevo di trovare nella calza solo cenere e carbone. Ieri però mi sono comportata bene e stamattina  ho trovato sotto il cuscino tanti dolcetti golosi!!!
E voi cosa avete ricevuto dalla befana?
Baci. Elly:-))
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...